Escort trans di Bologna ruba 12.500 euro ad un cliente.

Escort trans marocchina denunciata per furto. Ruba al suo cliente 12.500 euro. Complice un suo connazionale. Teatro dell’accaduto è la citta di Bologna. Vittima un rappresentante di Sassuolo, abituale frequentatore dei transex bolognesi. Cosa strana, il cliente si reca all’appuntamento con la escort trans di Bologna portando con sé quella consistente cifra di denaro. Arrotolata in una mazzetta e custodita nella tasca interna della giacca.

Incontrare una escort trans potrebbe essere pericoloso.

Gli italiani amano davvero molto gli incontri occasionali a pagamento. Le statistiche che leggiamo sui giornali lo confermano. Il numero delle accompagnatrici e dei transex in Italia è in aumento continuo. Aggiungiamo, noi di Magica Escort, che i trans lavorano molto ma molto di più delle top class escort di Bologna e delle accompagnatrici di alto livello.

Quello che è accaduto a Bologna non è certamente una novità. I tentativi di rapina ai danni dei clienti occasionali delle escort trans sono all’ordine del giorno. Pare strano che un cliente giri con tutto quel denaro in tasca. Soprattutto quando si accinge ad incontrare un perfetto sconosciuto.

Escort trans bolognese rapina un cliente di 12.500 euro. Magica Escort

Gli incontri con una escort trans di Bologna potrebbero essere indimenticabili molte volte. Non nel caso del cliente maldestro che si è recato nell’appartamento della transex con 12.500 euro nella giacca. Derubato mentre era in bagno per i consueti “lavaggi di rito”. (Immagine tratta dal web)

Probabilmente era un abituale frequentatore della escort trans marocchina. Oppure pensava di non incorrere in uno spiacevole inconveniente. Come quello che gli è accaduto. I partners occasionali di escort e transex dovrebbero stare attenti. Come pure i punters incalliti che prediligono gli incontri sessuali a pagamento.

Gli appartamenti delle escort, a volte, nascondono delle insidie. Avevamo già parlato degli eventuali pericoli a cui potreste andare incontro. Menzionando un episodio analogo avvenuto qualche tempo fa in Friuli Venezia Giulia. Dove una escort di Trieste aveva minacciato il suo cliente con una katana.

I “lavaggi di rito” sono auspicabili prima di un incontro con una escort trans. Ma attenzione!

Per gli amanti della pulizia e dell’igiene personale, esistono delle regole basilari da rispettare. In particolare se si decide di incontrare una escort oppure un’accompagnatrice. Molto probabilmente consumerete dei rapporti sessuali. Inoltre, immaginiamo che cambierete il vostro partner frequentemente. Quindi sono necessarie delle buone abitudini.

Primo, usate sempre il preservativo. Lo abbiamo scritto nel nostro blog. I casi di super-gonorrea sono in aumento vertiginoso. Proprio per questo motivo, ci auriamo che i rapporti sessuali non protetti siano evitati come la peste. Secondo, affidatevi ai siti dedicati agli incontri con le escort più seri ed affidabili. Ecco la verità sugli annunci delle escort in Italia.

Terzo, pretendete perlomeno di utilizzare il bagno per farvi almeno un bidet. Obbligate a fare la stessa cosa al/alla vostro partner del momento. Nel caso della escort trans di Bologna, i “lavaggi di rito” sono diventati un pretesto. Il cliente va in bagno per qualche minuto. Lascia i propri abiti e gli oggetti personali in camera da letto.

Nel frattempo, la escort trans rovista ovunque e si appropria di tutto. Ve ne accorgerete troppo tardi. Normalmente quando sarete già fuori dal suo appartamento. Nel caso del malcapitato agente di commercio di Sassuolo, è andata così. Fortunatamente ha avvertito la Polizia. Rientrando nell’appartamento della escort trans. Poi denunciata per furto assieme all’amico complice.

Lavaggi di rito prima di un incontro con una escort trans. Magica Escort

Quando vi recherete ad un appuntamento con una escort trans oppure presso la location di un’accompagnatrice top class, chiedete di usare il bagno per i doverosi “lavaggi di rito”. Una forma di rispetto. Attenzione però a non dimenticare gli oggetti personali e i vostri abiti in camera da letto. Durante la vostra breve assenza, potreste avere brutte sorprese. Per esempio, essere derubati del denaro che porterete con voi. (Immagine tratta dal web)

Anche le location delle escort trans possono riservare brutte sorprese.

Fate molta attenzione quando entrate in casa di uno sconosciuto. Non saprete mai a priori chi incontrerete. Nel caso della escort trans di Bologna, la presenza del connazionale amico, ha permesso di mettere a segno la rapina. Vi riportiamo alcune regole che avevamo già indicato nel nostro blog in precedenza.

Normalmente, se si decide di incontrare una escort trans di alto livello, è molto probabile che l’incontro non nasconda delle insidie. Le escort indipendenti sono professioniste dei servizi di accompagnamento. Non avrebbero nessun interesse a deludere i loro clienti. Se decidete di raggiungere la escort trans nel suo appartamento, non fate come il cliente della escort di Trieste. Prima di abbandonarvi al piacere, fate due chiacchiere. Guardatevi in giro, osservate l’ambiente. Fate delle domande precise e pretendete di verificare che non ci sia nessun’altra persona nella alcova. Portate con voi lo stretto necessario. I soldi che dovrete corrispondere per l’incontro con la ragazza. Il vostro cellulare e pochissimi oggetti personali. Pagate la prestazione in anticipo. Consegnando il denaro in busta chiusa. Per evitare, lo ripetiamo ancora, quanto successo al cliente della escort di Trieste.

La escort trans marocchina di Bologna pare lavorasse moltissimo.

Una volta accortosi del furto, il povero cliente ha chiamato i Carabinieri. Denunciando l’accaduto. Decidendo di ritornare in quell’appartamento di Piazza Malpighi a Bologna. Litigata furiosa con la escort trans ed il suo complice. Proprio in quel momento arrivano le forze dell’ordine a salvare il cliente con il vizietto dei transex.

Durante la perquisizione dell’appartamento riservato agli incontri sessuali, i Carabinieri hanno appurato una cosa. La escort trans di Bologna doveva essere gettonatissima. Almeno in relazione all’ingente quantità di denaro ritrovata nella sua alcova. Alla faccia della crisi e delle continue lamentele delle accompagnatrici. Le quali sostengono che in Italia non si fa più sesso.

Sono decisamente bizzarri ed ingegnosi i posti utilizzati per occultare il denaro. naturalmente la escort trans avrà pensato fossero posti inviolabili. Ma non è stato proprio così. A parte il solito cassetto che conservava quasi 8.000 euro, gli altri nascondigli erano davvero strepitosi.

Il primo era rappresentato da un vaso di maionese conservato in frigorifero. Custodiva ben 1.500 euro. Il secondo invece era un tubetto di crema per la depilazione. Una vera e propria cassaforte. Al cui interno erano conservati ben 3.000 euro.

Fonti:

Il Resto del Carlino – Articolo del 18/03/2019

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.