Giornata mondiale contro violenza sulle sex workers.

Giornata mondiale contro la violenza sui sex workers. Il 17 dicembre, da oltre vent'anni!

In tutto il mondo i sex workers sono soggetti a discriminazione, violenze fisiche e psicologiche. Oltre a molti soprusi, giudizi affrettati, offese e maldicenze. Noi di Magica Escort, sempre attenti alle problematiche legate alla violenza, abbiamo deciso di dare spazio nel nostro blog a questa sorta di "ricorrenza".

Ovviamente sosteniamo ogni campagna che sia a favore della libertà sessuale per chiunque. Libera da giudizi e pregiudizi su chiunque decida liberamente di vivere la propria sessualità come meglio crede, magari diventando un/una sex workers.  Per questo motivo, noi che pubblicizziamo l'attività delle top class escort indipendenti, libere e consapevoli, diamo spazio a tutto questo.

Vent'anni fa la prima grande manifestazione di sex workers in India.

Era il 3 marzo 2001. L'associazione Durbar Mahila Samanwaya Committee di Calcutta organizzò il primo festival contro la violenza sui sex workers. Alla manifestazione aderirono oltre 25.000 lavoratori/lavoratrici del sesso. Obiettivo? Sensibilizzare l'opinione pubblica sulle tematiche relative alla libertà sessuale. Per tutti i partecipanti il desiderio di poter scegliere liberamente su cosa fare e come gestire la propria sessualità.

In maniera libera ed indipendente, senza essere giudicati. Anche quando si decide di diventare un sex worker. Ci furono tanti tentativi da parte del Governo indiano di annullare la manifestazione stessa, cercando anche di reprimerla. Ma il successo fu di tale portata che l'associazione che organizzò per prima la Giornata mondiale contro la violenza sui sex workers, decise di istituire una giornata mondiale a favore dei lavoratori del sesso. Scegliendo per l'appunto il 17 dicembre.

La situazione dei lavoratori del sesso non è molto migliorata, nemmeno in Italia.

Naturalmente il pregiudizio rimane sempre. Esiste la continua tendenza a ritenere le sex workers delle "puttane", nel senso dispregiativo del termine. Gli sforzi per combattere questa terribile "etichettatura" sono tanti. Con evidenti scarsi risultati. Le associazioni che tutelano i diritti delle escort, dei gay e dei transex che decidono di offrire incontri sessuali a pagamento sono tante anche in Italia.

Si battono per migliorare la condizione delle sex workers. Spesso vittime di sfruttamento, sia fisico che mentale. Certamente non è il caso dei siti che pubblicano annunci di top class escort. Effettivamente, queste sono ragazze e donne libere ed indipendenti, lontane da quei contesti in cui avvengono i peggiori soprusi a carico delle sex workers.

Come non ricordare la tratta delle escort nigeriane, lo sfruttamento delle ragazze provenienti da alcuni paesi dell'Est Europa. Quelle costretto nei peggiori bordelli a prostituirsi ogni giorno, senza diritto alcuno, private della libertà e soggiogate con la forza. Fortunatamente noi di Magica Escort non abbiamo mai avuto a che fare con questo tipo di situazioni. Deplorevoli ed aberranti. Che combattiamo con ogni forza.

Sex workers. No violenza. Magica Escort

17 dicembre 2021. Giornata mondiale contro violenza sui sex workers. A favore dei diritti dei lavoratori del sesso. Per tutelare anche la loro saluta fisica e mentale. (Immagine tratta dal web)

Cosa chiedono le associazioni?

Poche ma semplici cose che dovrebbero essere alla base di ogni società civile. Alcuni riconoscimenti fondamentali che, per quanto sostengono le associazioni a tutela di tutti i sex workers, migliorerebbero la loro condizione sia lavorativa ma anche personale. Oltre a tutelare la loro salute. Tra le tante, per esempio, il collettivo Ombre Rosse.

  • Modificare la legge Merlin che regola la prostituzione in Italia (in vigore dal 1958)
  • Riconoscere "professionalmente" l'attività della prostituta/escort, con diritti e doveri. Come per qualsiasi altra categoria di lavoratori.
  • Proteggere i sex workers in maniera adeguata da ogni forma di violenza. Tutelandone la salute.

Fonti:

Cosmopolitan

YouTube

Zeroincondotta

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.