Prostituzione minorile. 13enne costretta a prostituirsi.

Prostituzione minorile, induzione e favoreggiamento della prostituzione, violenza e abuso su minorenne. Atti sessuali aggravati con minore. Sono queste le terribili accuse rivolte ad una madre. Si, avete letto bene. Una MADRE che costringeva la figlia di soli 13 anni a prostituirsi. Non solo, la minacciava di morte continuamente al primo tentativo di ribellione.

Per fortuna i Carabinieri di Sciacca, cittadina in provincia di Agrigento, hanno arrestato 6 persone. Dopo una lunga indagine iniziata nel 2017. I fatti incresciosi si sono verificati nelle province di Trapani e di Agrigento. La Sicilia questa volta è teatro di un episodio gravissimo contro una ragazzina di 13 anni. Oserei dire una bambina.

Una adolescente data in pasto ai suoi aguzzini da una madre romena. Che meriterebbe un giudizio ancor più severo di quello che emetterà il tribunale competente. Poi non dite che non spetta a nessuno giudicare. Infatti, questo non è un giudizio. Una vera sentenza contro una donna e non una madre. Come potrebbe una madre accettare di vedere la propria figlia seviziata e posseduta. Da amici e conoscenti del suo compagno, in cambio di qualche centinaia di euro.

Gravissimo episodio di prostituzione minorile in Sicilia.

La notizia non è nemmeno nuova. Nel senso che spesso le cronache si occupano di violenza e abusi sui minori. La feroce piaga della prostituzione minorile alimenta i milioni di depravati in giro per il mondo. Pedofili, uomini falliti, incapaci di porsi in relazione con una donna. Che sicuramente li rifiuterebbe. Quindi, meglio rivolgersi ad una madre snaturata che vende la propria figlia.

13 anni sono pochi, troppo pochi per capire che l’amore di quella madre non esiste. Forse la bambina, perché così è giusto chiamarla, nutre lo stesso affetto e amore. Per una mamma indegna, capace di creare un sodalizio criminale e vergognoso con il suo compagno. E architettare una serie di relazioni per far prostituire la ragazzina minorenne.

Quella donna arrivata dalla Romania non può avere alle spalle nessun motivo che la possa giustificare. Ha messo al mondo una figlia che non ha chiesto di fare la prostituta a 13 anni. Al contrario, voleva vivere serenamente la sua pubertà e la sua adolescenza molto probabilmente. In compagnia dei suoi amici e delle sue amiche.

Prostituzione minorile in Sicilia. Magica Escort

Una ragazzina di 13 anni veniva condotta in un ovile. Costretta a prostituirsi dalla madre rumena. Costantemente minacciata di morte. Ma davvero le madri possono arrivare a tanto? 6 arresti per prostituzione minorile ad Agrigento e Trapani. (Immagine tratta dal web)

Chi sono gli uomini che alimentano la prostituzione minorile?

Uomini non direi. Depravati certamente. La prostituzione minorile è quanto di più schifoso ed aberrante ci possa essere. Come per ciò che concerne ogni forma di violenza in generale. In particolare, se perpetrata ai danni delle donne, dei bambini e delle bambine.

Nel caso specifico di Agrigento, uno dei cinque uomini arrestati è un 60enne. Il compagno della donna rumena. Non vorremmo azzardare ma siamo propensi a pensare che, molto probabilmente, la donna della Romania fosse anche lei una prostituta, magari in passato. Ci piacerebbe essere smentiti in questo senso. Anche se qualche dubbio rimane.

L’aguzzino accusato di induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, tesseva le relazioni con amici e conoscenti. Che diventavano molto presto i clienti della ragazzina. Tra gli arrestati, cittadini italiani e rumeni. Un sodalizio criminale, ai danni di una bambina indifesa. Impotente e incapace di difendersi.

Molto probabilmente, la bambina avrà provato molte volte a ribellarsi. Infatti, i Carabinieri hanno accertato che la 13enne era tenuta in scacco costantemente. Come? Veniva minacciata di morte ripetutamente. Ogni volta che si rifiutava di cedere alle lusinghe di quei maledetti puttanieri in cerca di “carne fresca” (come dicono loro solitamente).

Cosa succede alle vittime della prostituzione minorile?

Nel caso specifico della bambina di 13 anni, a seguito dell’arresto della madre, è stata condotta in una struttura protetta ovviamente. Tenuta lontano il più possibile dai suoi aguzzini. Non dimenticatelo, in questo caso si tratta della madre. Per il compagno e gli altri arrestati speriamo si prospetti una lunga permanenza nelle patrie galere.

Che succederà nell’anima di questa bambina, abusata ripetutamente dai suoi clienti. Per di più senza avere mai avuto la possibilità di ribellarsi oppure di rifiutarsi. Come sarebbe stato legittimo e giusto fare. Probabilmente per la madre rumena e per il suo compagno, era facile disporre di una minorenne indifesa piuttosto che andare a lavorare come tutte le persone. Onestamente.

Quanti drammi si sono consumati e quanti se ne consumeranno nel cuore e nella testa della 13enne. Innanzitutto, dovrà trovare una risposta ad una domanda molto difficile. Perché mia madre? Come ha potuto farmi questo la mia mamma? Non ci sono risposte. Sono quesiti immensi ai quali rispondere diventa difficile.

Amore di mamma orsa. Magica Escort

L’amore di mamma orsa. Ha dato alla luce una creatura per la quale metterà a repentaglio la propria vita per la sua sopravvivenza. Dando tutto l’amore possibile alla figlia. Questo è il mondo animale dove le madri NON costringono le figlie a prostituirsi. Per nessuna ragione al mondo. Una metafora che dovrebbe farci riflettere. (Immagine tratta dal web)

Possiamo contrastare la prostituzione minorile?

Naturalmente è un dovere morale di ognuno. Che sia un fenomeno molto complesso e di portata mondiale, questo è chiaro. Sono molte le associazioni che si occupano della tutela dei bambini e dei minori. Come non ricordare Save the Children, l’organizzazione mondiale che combatte da sempre contro ogni sopruso e abuso a carico dei bambini. Con un occhio di riguardo anche alla prostituzione minorile.

Di sicuro, fino a quando ci saranno madri in grado di mettere in vendita una figlia, contrastare il fenomeno sarà molto difficile. Inoltre, il maschio si distingue continuamente per quanto riesce a compiere quotidianamente. Abusare e violentare una 13enne ha dell’incredibile. Mi domando sempre cosa possa esserci di eccitante ed appagante nel fare sesso con una persona che non è consenziente. Per di più con una bambina.

Speriamo buttino via la chiave della cella in cui sono stati rinchiusi questi maniaci sessuali. Non meritano attenzione, nemmeno mediatica. Se non per mettere a conoscenza l’opinione pubblica di un fatto di cronaca. Si rischia l’emulazione da parte di tanti altri “malati” che potrebbero sentirsi autorizzati a fare lo stesso.

Il degrado alla base di molti episodi di prostituzione minorile.

Probabilmente sarà così. Nel caso della ragazzina 13enne abusata e violentata dal compagno aguzzino della madre, cosa potremmo dire. Da quanto evidenziato dai Carabinieri, pare che le sevizie sessuali a carico della minore, venissero consumate in un ovile o in cascine di campagna.

Ovviamente per essere lontani da tutto e da tutti. Vigliaccamente come al solito. I clienti della giovane vittima della prostituzione minorile hanno bisogno di commenti? Magari saranno dei padri di famiglia, con dei figli probabilmente. Gli occhi terrorizzati di quella piccola creatura durante le ripetute violenze sessuali avranno prodotto qualche effetto?

Non ne sono convinto. E tutto questo crea sconcerto, disappunto, dolore. Quello che sicuramente possiamo fare e divulgare queste notizie. Per sensibilizzare sempre di più l’opinione pubblica sul fenomeno della prostituzione minorile. La Magistratura farà il suo lavoro. Sperando che ci sia un giusto seguito all’accaduto.

Molto spesso leggiamo che i minori vengono rimpiazzati con estrema facilità. Gli uomini depravati, impotenti e con una mente malata, richiedono continuamente ragazzine sempre più giovani e possibilmente vergini. Per continuare ad alimentare la loro depravazione, per soddisfare degli istinti bestiali. Quello che sempre sconvolge è che, oltre al racket della prostituzione minorile, ci sono mamme come la donna rumena.

Proprio così, donne/mamme che hanno messo al mondo dei figli. Che probabilmente saranno il frutto di una “scopata fatta male e senza prestare nessun tipo di attenzione“. Figli che diventano un impiccio per la vita quotidiana. Figlie indesiderate che è meglio far diventare produttive. Per queste donne, ha un senso minacciare di morte una bimba di 13 anni e costringerla a prostituirsi. Tutto questo è ciò che ha costruito la nostra società.

Fonti:

Sky TG24 del 12/03/2019

 

 

 

 

 

One Response to Prostituzione minorile. 13enne costretta a prostituirsi.

  1. Pingback: Tumblr rinuncia al porno. Crollo visite. Meno 150 milioni • Magica Escort

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.